Fano.it
Aniballi Associati Assicurazioni
Fano dei Cesari

Pinacoteca

MUSEI A FANO

PINACOTECA

La Pinacoteca è distribuita su tre piani del Palazzo Malatestiano. Fu istituita insieme al Museo Archeologico nel 1898 e rappresenta una delle più pregevoli raccolte di dipinti esistenti nelle Marche. Espone opere di scuola locale ma anche di scuola veneta, bolognese, romana e testimonia l'excursus della pittura a Fano e nelle Marche dal XIV secolo ai giorni nostri. Il percorso di visita inizia dalla Sala del Caminetto al primo piano e termina con la sala del XIX e XX secolo.
SALA DEL CAMINETTO
E' situata al piano nobile. Qui si possono ammirare i dipinti più antichi (secc. XIV - XV), tra cui meritano menzione il Polittico con "Madonna e Santi" attribuito al pittore veneziano Michele Giambono e la tela di Giovanni Santi con "Madonna e Bambino in trono e Santi".
SALA GRANDE
E' disposta sul medesimo piano, adiacente alla precedente. Vi sono esposti quadri che appartengono al XVI e XVII secolo. Si tratta dei dipinti realizzati nel XVI e XVII secolo provenienti per lo più da edifici religiosi. Si distinguono "L'Angelo Custode" del Guercino, "San Nicola di Bari in Gloria" di Mattia Preti detto il Cavalier Calabrese e i pregevoli dipinti provenienti dalla Chiesa barocca di San Pietro in Valle: tra questi una splendida "Annunciazione" di Guido Reni, "San Pietro che resus


Pinacoteca


cita Tabita" di Matteo Loves e "San Pietro che guarisce lo storpio" di Simone Cantarini. tSi prosegue nella visita entrando in fondo in due salette una delle quali è denominata Saletta del Lavabo per la presenza di un lavabo rinascimentale proveniente dall'abbazia di San Paterniano.
SALA MORGANTI
La sala prende questo nome in quanto vi era conservata l'imponente pala di S. Michele dei Morganti. Qui sono esposti in prevalenza i dipinti del Settecento. Sono presenti opere di pittori locali come il vadese Francesco Mancini, Sebastiano e il figlio Giuseppe Ceccarini, Carlo Magini, Paterniano Fanelli, cui si aggiungono tele di artisti di diversa provenienza come Corrado Giaquinto e il napoletano Alessio de Marchis.


Pinacoteca


SALA DEL XIX E XX SECOLO
La visita si conclude, con la sala contenente le opere del XIX e dei XX secolo. Qui sono esposti ritratti, paesaggi e quadretti di genere di autori quali il riminese Clemente Alberi, Giovanni Pierpaoli, il più autorevole pittore fanese della seconda metà del XIX secolo e l'anconetano Francesco Podesti.
SEZIONE DELLE CERAMICHE
Si trova al piano mezzano. Vi è stata sistemata una selezione della raccolta di ceramiche del Museo di Fano realizzate tra XIV e XVIII secolo. Accanto ad esempi della produzione locale sono conservati pezzi provenienti da Urbania o dall'area padana. Si possono ammirare albarelli e pillolieri facenti parte della serie di vasi da farmacia provenienti da quella dell'antico ospedale, decorati con la caratteristica "rosa pesarese", realizzati nel 1803 dalla manifattura Casari e Callegari e alcuni pezzi del servizio da tavola in porcellana del 1782 eseguito per il Comune di Fano dalla manifattura Veneziana di Geminiano Cozzi.


Pinacoteca



MUSEO E PINACOTECA
Piazza XX Settembre Phone n°. 0721/828362

Orario d'apertura:
Martedì, giovedì e sabato 8.30 –13.30 / 15.00 –18.00
Mercoledì e venerdì 8.30 - 13.30
Domenica 10.00 - 13.00 / 16 -19.00
Lunedì chiuso


 
 < 1 2 3 4 5 >


   
 

Webcam

Il meteo

Oroscopo

Le previsioni segno per segno!

 
Info legali e Copyright Gostec s.n.c. di Cherchi S. & C. - via XXVII Agosto, 27 - Fano - PI 01371950419